Site Overlay

Ecologia: abbigliamento bio Made in Fruit

Finalmente siamo arrivati ad una svolta, naturalmente Green. Anche il settore tessile sta finalmente dando spazio al settore bio, andando a produrre soluzioni 100% naturali.

L’importanza del bio in campo tessile’

Si ipotizza, infatti, che i prodotti del prossimo futuro saranno completamente biodegradabili, quindi possiamo dire addio al sintetico.Prepariamoci ad una rivoluzione del tutto ecologica. 

Un guadagno considerevole, in ottica “salvaguardia dell’ambiente”, poiché permetterà di ridurre considerevolmente l’inquinamento. 

Per avere un’idea, basti considerare l’enorme impatto ambientale che hanno attualmente le industrie dell’abbigliamento e quelle tessili. Questi giganti d’acciaio e mattoni, infatti, producono anidride carbonica 250 giorni l’anno, andando ad incidere pesantemente nel bilancio che ogni anno va presentato a Madre Natura.  

I produttori, inoltre, non si sono mai posti il problema dei rifiuti, che sono l’altro grande cancro di questo sistema produttivo. 

Dunque la biodegradabilita‘, in questo caso, giocherebbe una parte importantissima. 

Il processo di biodegradazione

Il termine biodegradabile, viene utilizzato per indicare un materiale, in questo caso un tessuto, che in un arco temporale ridotto, si decompone quando viene disperso in natura, riducendo così notevolmente la quantità di rifiuti. Questo è possibile grazie all’azione di enzimi e batteri comunemente presenti in natura, che scompongono le molecole fino a ridurre l’indumento polvere. 

La bio è una “proprietà della natura”,e permette il regolare mantenimento dell’equilibrio ecologico del pianeta

Si stima che il cotone, ad esempio, abbia un tempo di decomposizione dai 3 ai 6 mesi, mentre una fibra sintetica, come può essere il nylon, vanta un processo che potrebbe durare anche 40 anni. 

Si punta, dunque, come obiettivo primario,all’estinzione totale del tessuto sintetico.

Questo, infatti, è stato catalogato come nocivo per l’ambiente,visto la sua composizione “chimica” e non degradable.

Il sintetico, dunque, sarà sostituito da tessuti totalmente composizione “eco” .

Quali sono i materiali biodegradabili?

Un materiale, per essere effettivamente biodegradabile, deve avere una composizione di materie naturali. Queste, ovviamente, saranno molto meglio digerite dalla terra, nel momento in cui questi indumenti non dovessero servire più. 

Si potrebbe stare qui per ore, ad elencare, prodotti biodegradabili in commercio. Basti pensare alle bustine per la spesa. Quelle, ad esempio, hanno un alto grado di biodegradabilita’.